Associazione Nazionale Familiaristi Italiani

Centro studi

CENTRO STUDI ASSOCIAZIONE FAMILIARISTI ITALIANI

 

L’ANFI ha creato un CENTRO STUDI attraverso il quale, sempre in un’ottica multidisciplinare, intende analizzare con cura tutti i fenomeni che riguardano il panorama familiare e minorile.

Possono collaborare al Centro Studi tutti i professionisti che si occupano, a vario titolo, di famiglia e minori.

Vi aspetto

Avv. Carlo IoppoliPresidente Nazionale A.N.F.I.

 

 

 

 

 



 

 

Figli di coppie omogenitoriali
Si tratta di una rassegna della letteratura da parte della Dr.ssa Sara Pezzuolo,
Psicologa Giuridica e Responsabile scientifico nazionale A.N.F.I. .
DownloadDocumento Adobe Acrobat 1.2 MB
             Figli di coppie omogenitoriali

 



Il condizionamento delle coscienze
Lo studio di Fabio Nestola “il condizionamento delle coscienze”
Analisi della comunicazione distorta dai “pregiudizi di genere”
che ha radici lontane. ..
DownloadDocumento Adobe Acrobat 10.8 MB
             CDC – 9 bis
—————————————————————————————————————————————-
La CTU Psicologica in ambito civilenel diritto di Famiglia e nel Danno non Patrimoniale
LINK:
————————————————————————————————————————————–

Colpire non è femminile: studio sulla violenza al femminile. 6500 casi di cronaca in esame

 

Un infaticabile lavoro di ricerca ultradecennale, coordinato da Fabio Nestola e svolto in collaborazione tra Adiantum e FeNBi CSA (Centro Studi Applicati). Un percorso alla scoperta di un fenomeno ampiamente deformato dai media, inesistente nelle politiche di sostegno alla vittima maschile, poco approfondito dal mondo accademico e, grazie ad una infomazione “schierata” culturalmente a tutela di un solo genere, rimosso dalla coscienza sociale.

Una corposa letteratura scientifica internazionale evidenzia la carenza di studi specifici in Italia sulla violenza rosa, ove il fenomeno è pressoché ignorato. Il CSA FeNBi – Centro Studi Applicati, ha effettuato un’analisi di oltre 6.500 articoli di cronaca nera che registrano soggetti maschili come vittime di violenza femminile, all’interno della coppia, del nucleo familiare, dell’ambiente di lavoro.

Ferma restando una larga prevalenza di soggetti maschili quali autori di un agito violento – tra le mura domestiche e non solo – lo studio analizza la percentuale minoritaria, vale a dire le condotte aggressive e criminose delle quali un soggetto maschile può essere vittima all’interno del rapporto di coppia, rilevando come rispondano a criteri diversi rispetto alla violenza esercitata a ruoli invertiti: per modalità, strumenti, tasso di premeditazione, motivazioni.

Secondo i risultati dello studio, la violenza femminile, contrariamente alla percezione diffusa nell’immaginario collettivo, si esplicita attraverso una vasta gamma di modalità. Analizzando differenze ed analogie rispetto alla criminalità maschile, emerge come l’uxoricidio “rosa” sia seguito in percentuali significative da tentativi di depistaggio, il 21% dei casi presi in esame. Occultamento di cadavere, simulazione di suicidio della vittima, simulazione di incidente o aggressione ad opera di terzi (rapina, debiti insoluti, lite occasionale, altro ) Una prerogativa pressoché esclusivamente femminile è l’infanticidio (soppressione dei figli neonati).

Anche per quanto riguarda il figlicidio (soppressione dei figli non in prossimità dell’evento-parto) la donna prevale nella misura del 79%. Aggressioni a mani nude o con corpi contundenti, che provocano lesioni anche gravi, interessano con maggiore frequenza fasce d’età adolescenziali (bullismo rosa).

Va detto che le baby gang femminili, anche in contesti scolastici, indirizzano atti violenti contro coetanei ambosessi.

Gli atti persecutori sanzionati ai sensi dell’art. 612 bis (stalking) registrano autrici femminili in percentuali che oscillano, a seconda delle Procure, tra il 22 ed il 28%.

———————————————————————————————————————————-

La filiera disfunzionale 

 

Ecco uno degli interventi piu’ apprezzati all’ultimo convegno nazionale dell’ANFI, tenutosi a Roma lo scorso maggio, presso l’Università di Roma Tre.
E’ l’intervento del Dr. Fabio Nestola, socio Onorario ANFI, il quale affronta il delicato tema dei servizi sociali e delle criticità del loro operato.
Vi invito a leggerlo tutto, cliccando sul link sottostante.
Un caro saluto.
AVV. Carlo Ioppoli – Presidente Nazionale ANFI – Ass.ne Avvicati Familiaristi Italiani
DownloadDocumento Adobe Acrobat 3.7 MB
             Filera_disfunzionale_5
Iscrivti alla newsletter
Inserisci la tua email
POSSIAMO AIUTARTI

L’associazione rende disponibili diversi professionisti nel settore del diritto di famiglia e difesa della persona in ambito giudiziario.Operiamo in tutto il territorio italiano, per qualsiasi cosa è possibile contattarci tramite il form in basso.

In più aderendo con una quota associativa c’è la possibilità di convenzioni e pianificazioni agevolate.

Compila il form per richiedere una consulenza
text_error
Assicurati di aver compilat tutti i campi
Errore
Accetta la privacy
Informativa privacy

minori | 19 Aprile 2017 Il Giudice ha disposto, in un caso di contrasto e conflittualità…

Adozione | 15 Marzo 2017 La Corte d’appello di Torino conferma l’adottabilità della figlia dei “genitori-nonni”…

chiudi
VIDEO GIORNATE NAZIONALI BIGENITORIALITÁ
ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMILIARISTI ITALIANI
Sede nazionale : Via Trionfale 5697 - 00136 ROMA - Tel/Fax : +39.06.35455243 Tel: 06.83517527
Reperibilità Presidente Avvocati Familiaristi Avv. Carlo Ioppoli: 338/3095507
Presidente Nazionale : Avv. Carlo Ioppoli - E-mail : info@associazionefamiliaristi.it - associazionefamiliaristi@gmail.com
Mail personale Avv. Carlo Ioppoli: avvocatoioppoli@gmail.com